[Italia] Mobilita-azione per la solidarietà attiva a compagni anarchici prigionieri

in inglese

Mosca: Fronte di Liberazione della Terra FAI/FRI rivendica incendio di due escavatori

ELF vs tagliaboschi 2:0

Nella notte del 14 Febbraio 2014 ci siamo infiltrati, come ombre, nel campo dei tagliaboschi.

Erano le tre di notte, ma i lavoratori non dormivano ancora. Un escavatore stava lavorando, i lavoratori facevano su e giu nel campo e la guardia stava guardando la televisione e bevendo la sua birra. Secondo la nostra esperienza, questo era un grande campo con circa 5-6 baracche, un magazzino del legname con due stanze, 2 auto, 3 escavatori e una livellatrice. Dopo esserci inoltrati, tra baracche e auto, abbiamo scelto due escavatori come obiettivi più rappresentativi della fauna locale. Dopo tutto come programmato. I loro motori a scoppio e le coperture sono stati coperti di stracci imbevuti di molta benzina. Dopo siamo andati via dal posto con successo, e ci siamo posizionati per goderci lo spettacolo per qualche minuto. Due nere colonne di fumo sono salite dai veicoli. Crediamo che il danno ammonti tra i 6 e gli 8 milioni di rubli.

Speriamo che questo sabotaggio interrompa temporaneamente lo sviluppo della cava di sabbia. Ci sono già altre cave abbandonate nella zona. Dalla nostra ultima esplorazione li, una grande porzione di foresta è andata distrutta, per far espandere le cave. La sabbia di questa zona viene esportata per essere venduta, dato che l’edilizia è un settore di profitto, che non ha tempo per piccole cose come la natura, l’aria fresca, ecc.

Buona fortuna a tutti quelli che sono in gioco. Pieghiamo le loro linee.

Mosca 2014, ELF/FAI/FRI (Fronte di Liberazione della Terra/Federazione Anarchica Informale/Fronte Rivoluzionario Internazionale)

Roma: Presentazione del progetto editoriale Croce Nera Anarchica

CNAFuochi di rivolta continuano a rischiarare le tenebre di un mondo altrimenti volto all’annientamento dell’individuo ed alla schiavitù omologata: queste pagine sono destinate ad attizzare questi fuochi e ad accenderne di nuovi.

Uno dei pochi vantaggi forniti dalla parossistica ricerca di informazione globale è lo scoprire che anche agli antipodi ci siano cuori che battono allo stesso ritmo dei nostri e che armano mani abili a fare molto più che battere su una tastiera. La corsa verso l’abisso della società tecnologica si fa sempre più forsennata, ma i combattenti di tutto il mondo tengono il passo e, pur a rischio di venir schiacciati da un mostro così gigantesco, provano ad ostacolarlo ed a farlo cadere a terra. Adesso è il momento di rimboccarsi le maniche e fare sempre di più.

Con questa tensione abbiamo deciso di dar vita ad una nuova Croce Nera Anarchica. Iniziamo questo percorso con la consapevolezza di  vivere in tempi in cui è sempre più facile pagare un alto prezzo per la scelta di continuare a diffondere certe idee e pratiche, ma abbiamo sempre sostenuto che la rassegnazione sia complicità e – sebbene non siamo tra quelli che reputano che “la penna valga quanto il fucile” – risulta oramai evidente che anche all’interno del cosiddetto movimento anarchico si sia venuta a creare un’intollerabile omogeneità  di pensiero, che le pratiche collegate appaiano sempre più il risultato di un’asta al ribasso e che quindi sia imprescindibile  tornare a far sentire altre voci. Rompiamo il silenzio assordante di questi ultimi anni, consapevoli del fatto che certe voci, anche le nostre voci, troppo a lungo non si sono fatte sentire.

Questa nuova Croce Nera nasce con lo specifico obiettivo di diventare una palestra di idee con come minimo comun denominatore la centralità  della pratica distruttiva: non basta più usare la definizione “azione diretta”, visto che sembra aver acquisito il significato di “tutto ed il contrario di tutto”… Ovviamente daremo il più ampio spazio possibile al contributo dei compagni finiti nelle maglie della repressione, senza ridurci  ad una sorta di croce rossa ridipinta, ma supportando in ogni modo la continuazione del loro percorso di lotta.

Lo scopo del progetto, che mai dovrà  assumere i toni o le forme dell’assistenzialismo, è quello di rilanciare certe idee e conseguentemente certe pratiche.

Speriamo che, partendo da questi presupposti, si crei un reale dibattito, che non scada mai nella misera partigianeria, ma che piuttosto sia vivo al punto da farsi acceso fino allo scontro, perché siamo stanchi del tiepido ed ipocrita “va bene tutto”.

Abbiamo deciso di dare forma cartacea al bollettino, più tangibile e duraturo dello scorrimento veloce della rete, mantenendo comunque il corrispondente blog con  fondamentale funzione di volano e di strumento più rapido per la diffusione di notizie e comunicati su azione e repressione. Sentiamo la scelta della forma fisica del giornale non come sterile feticcio nostalgico, ma convinti che non ci si possa continuare a lamentare dei danni distruttivi della società  tecnologica e ignorare come anche noi anarchici ci si sia lasciati ridurre a semplici “utenti” di un mondo sempre più virtuale in cui anche le lotte rientrano nell’idiota meccanismo di essere maggiormente “di successo” in base a quanti più “mi piace” ricevono…

Inoltre desideriamo ricreare un luogo fisico in cui incontrarsi, confrontarsi e trovare nuovi complici. Ci aspettiamo di ricevere molti contributi, anche critici e faremo il possibile per creare occasioni per presentare il bollettino e finalmente tornare a guardarsi negli occhi mentre si parla di quello che continua ad  essere il nostro più ardente desiderio: la distruzione di quest’esistente che ci annichilisce e la gioia di contribuire a vederlo crollare in macerie.

Bencivengaoccupato@distruzione.org
Via Bencivenga 15 Roma
Bencivengaoccupato.noblogs.org

Natura Ribelle (opuscolo)

Clicca sulla foto per scaricarlo in PDF.

Natura Ribelle – Rudimenti di azione boschiva è un piccolo opuscolo che da qualche consiglio a chi volesse organizzare o partecipare a qualche azione diretta in ambiente naturale. Speriamo possa essere utile. Per l’Internazionale Nera, Viva l’Anarchia!

Atene: Espropriato supermercato nel distretto di Vyronas come un minimo atto di resistenza

1970s

Tutto è rubato; tutto ci appartiene!

Prendiamo indietro alcune delle cose che abbiamo prodotto con duro lavoro e i nostri padroni hanno rubato da noi…

La creazione di uno stato di emergenza, in concomitanza con le incursioni predatorie dei padroni sul lavoro e sulla nostra vita, impone la paura della repressione e della miseria sulla società. Le disparità nella vita quotidiana assumono una dimensione tragica, quando le mani si protendono per mendicare o per rovesciare i bidoni della spazzatura nella speranza di trovare cibo. La disoccupazione e i costanti aumenti dei prezzi dei prodotti sugli scaffali dei supermercati ci fanno dubitare sulla possibilità di soddisfare i nostri bisogni basilari.

Non possiamo tollerarlo; resisteremo.

Oggi (11 Aprile 2014), abbiamo coperto i nostri volti ed abbiamo espropriato uno di questi grandi supermercati. Il nostro volto è la nostra azione, e perché disturba soprattutto la loro quiete e di seguito la loro redditività, cercheranno di rintracciarci. Non li regaliamo nulla, sfidiamo il loro terrorismo, organizziamo i nostri metodi, e rispondiamo collettivamente per strada. Collettivizziamo le nostre resistenze e ci ribelliamo contro i nostri oppressori.

Oggi, abbiamo fatto anche una sosta presso l’organizzazione del lavoro di manodopera (OAED).

Abbiamo lasciato alcuni dei prodotti che abbiamo preso dal supermercato presso l’ ufficio locale per la disoccupazione come un gesto di solidarietà di classe nei confronti degli altri lavoratori e disoccupati; un atto giusto che noi, quelli dal basso, facciamo per noi stessi, ridistribuendo la torta. In questo moderno sistema di schiavitù, in questa galera contemporanea, i lavoratori nei progetti di pubblica utilità che promuove l’organizzazione del lavoro per la manodopera greca, sono costretti a vivere come schiavi per cinque mesi. Non hanno diritto a ferie o giorni di malattia; ottenendo delle briciole come stipendio, e di fronte alla minaccia della rimozione dal registro dei disoccupati nel caso in cui rifiutano la posizione a loro assegnata. Ognuno di noi deve sapere che siamo di più, e se vogliamo organizzarci, possiamo rovesciare gli sfruttatori della nostra vita.

“Poveri ma disonesti”

in inglese

Cile: Lettera di Tamara Sol Farías Vergara dal carcere di San Miguel

Una lettera letta durante il pranzo in solidarietà a Villa Francia, Santiago.

Clicca sulla foto per leggere la traduzione dell’aperiodico anarchico “BeznAchAlie – Senza Autorità”.

Fonte : Radio Primero de Mayo (05:14 – 10:11)

Italia – Operazione Ardire: Revocate le misure restrittive a tutt*!

In data 8 Aprile 2014, su richiesta della stessa PM, sono state revocate (dopo quasi un anno per alcuni degli imputati) tutte le restrizioni (obbligo di firma due volte al giorno, obbligo di dimora e divieto di espatrio) ai/alle compagni/e inquisiti nella cosiddetta “Operazione Ardire”.

Un abbraccio ai/lle compagni/e finalmente liberi!

Per l’Anarchia!

Le prigioni greche stanno bollendo…

Striscione a Salonicco, Grecia (27/3/2014): “Tutti i valori della democrazia sono le carceri di massima sicurezza”

Il 24 Marzo, 2014, i detenuti in tutta la Grecia hanno annunciato mobilitazioni per protestare contro le condizioni di detenzione sempre più severe, chiedendo che il progetto di legge del governo per le carceri di massima sicurezza fosse ritirato. Secondo questa nuova legge, i detenuti “pericolosi” saranno inviati a delle unità di tipo C, non li saranno concessi permessi esterni ed avranno notevolmente limitati diritti di visita.

Il 25 Marzo, in mezzo alle crescenti tensioni nelle strutture penitenziarie, il detenuto di origine Albanese, Ilia Kareli, ha pugnalato a morte una guardia carceraria con un coltello improvvisato nel carcere di Malandrino. Anche se Kareli era imprigionato per un totale di 16 anni, gli è stato recentemente negato il permesso esterno. Il carceriere morto, che i media di massa abbiano ritratto come quasi un santo, era un infame torturatore sadico che usava di frustare i detenuti con cavi elettrici.

Il 27 Marzo, il prigioniero Ilia Kareli è stato trasferito in isolamento nel carcere di Nigrita (vicino alla città di Serres, nella Grecia settentrionale), dove è stato poi trovato morto a causa di molteplici lesioni interne e fratture gravi causate dai ripetuti pestaggi degli assassini in uniforme. In altre parole, dopo aver preso la vita miserabile di una guardia, è stato torturato a morte dal sistema carcerario.

In risposta all’omicidio di Ilia Kareli, nonché a questo mostruoso disegno di legge che il Potere sta preparando ad applicare contro i prigionieri in Grecia, detenuti in diverse carceri hanno tenuto proteste di massa, in alcuni casi con l’astensione dai pasti della prigione e/o col rifiuto di essere rinchiusi nelle celle.

Domenica pomeriggio, 30 Marzo, un raduno si è svolto all’esterno del carcere di Nigrita, in cui Kareli è stato trovato morto. L’azione è durata più di un’ora ed ha visto la partecipazione di 100 compagni dalle città di Salonicco, Serres e Kavala. La risposta dei detenuti era molto vivace, in quanto entrambe le parti si sono scambiate le grida contro i torturatori assassini dell’amministrazione penitenziaria, nonché slogan contro i sbirri e in solidarietà con la lotta in corso dei prigionieri.

Durante il raduno, l’amministrazione del carcere abbia provato di tutto in suo potere per ostacolare la comunicazione tra i detenuti e le persone in solidarietà. I allarmi del carcere sono stati avviati e degli annunci sono stati trasmessi continuamente attraverso gli altoparlanti in modo che i canti non potessero raggiungere l’interno del carcere. Tuttavia i prigionieri non sono stati scoraggiati dallo sforzo degli aguzzini; in particolare nel braccio C2 telecamere di sorveglianza e finestre di vetro ecc furono distrutte dai detenuti.

Solidarietà tra le persone che si rivoltano dall’interno e dall’esterno delle mura

in inglese

Atene, Grecia: Lettera di Kostas Gournas in ricordo di Lambros Foundas

ONORE ETERNO A LAMBROS FOUNDAS

Quattro anni fa, il respiro di un grande combattente si è fermato, il mio compagno di Lotta Rivoluzionaria, Lambros Foundas. E’ stato ucciso durante una sparatoria, quando i membri dell’organizzazione stavano cercando di rubare un veicolo a Dafni (Atene).

Lambros è cresciuto politicamente nell’ultimo periodo della transizione politica dopo la giunta e si era unito al movimento antiautoritario. Aveva preso parte agli scontri sociali del periodo caratterizzati da quello spirito speciale del dopo giunta che faceva innalzare la tradizione militante, la memoria collettiva di un popolo assetato di libertà.

Era cresciuto politicamente all’alba del nuovo millennio, li dove il movimento radicale cercava di trovare una connessione col passato tramite le rovine del periodo post giunta al fine di affermarsi nel nuovo periodo di privatizzazione e consumismo. Quando – come ora – lottiamo per capire i grandi cambiamenti nella società greca, cambiamenti che comparati al presente, si sono dimostrati indolori. Dopo ha fatto parte di Lotta Rivoluzionaria e dalle sue fila ha dato l’ultima battaglia della sua vita.

Lambros se ne è andato insieme a tutto un periodo. In questi quattro anni dalla sua assenza, il paese ha sperimentato una doppia bancarotta, politica ed economica. Il sistema bipartitico dell’autorità che è stato il pilastro dello stato dopo la giunta è collassato insieme ad ogni credibilità del suo staff politico. Allo stesso tempo è crollata l’intera struttura economica fondata sull’entrata del paese nella comunità europea. Il paese adesso è colonizzato dall’elite finanziaria del nord europa e la produzione è svenduta dai suoi locali amministratori. Oggi, il fascismo non è alle porte, è già qui. Nei ragazzi arrabbiati, nei disoccupati, nella disperazione, nelle squadracce, nel terrorismo di stato…

Oggi, quattro anni dopo la morte di Lambros Foundas, la battaglia di Lotta Rivoluzionaria, la battaglia del movimento radicale per la libertà e la giustizia sociale è presente più che mai perché abbiamo fatto in modo di essere dove dovevamo essere prima della tempesta, prima di entrare nell’oscurità, in lotta contro il fascismo neoliberale.

E tutto ciò che rimane, Lambros, è rispondere alla domanda eterna, le tue ultime parole, “E ora che facciamo?…” E io lascio che la tua domanda assordante metta le radici nel presente e nel futuro, nelle anime spaventate e nelle stanze dei ragazzi. Non abbiamo altro cammino meritevole di essere seguito se non quello della resistenza. Il cammino di Lambros, il cammino della vita.

*

Dall’introduzione di Nikos Kazantzakis in “Capitano Michalis”:

“Molti di quelli che leggono Capitano Michalis pensano che questi ragazzi – come degli ometti, come diciamo a Creta – non sono mai esistiti, neanche uomini cosi forti fisicamente e mentalmente, che amano la vita cosi tanto da guardare alla morte con tale disprezzo. Come può il non credente credere ai miracoli che crea la fede? Dimenticano che l’anima di una persona diventa onnipotente quando reca una grande idea. Fa paura quando, dopo duri processi, capisci che dentro di noi c’è una forza che può soverchiare la forza di un umano. Ti spaventi, perché dal momento che capisci che questa forza esiste non puoi trovare più scuse per i tuoi atti inutili o codardi, in merito alla perdita della tua vita, all’accusare gli altri. Adesso sai che tu, non la fortuna, non il fato, non chi ti circonda, solo tu hai, non importa cosa fai, non importa cosa diventi, la responsabilità. E allora ti vergogni di ridere, ti imbarazzi nel prendere in giro se un’anima fiammeggiante ti chiede l’impossibile.

Capisci molto bene ora che questo è il valore dell’umano, chiedere e sapere che il suo chiedere l’impossibile ed essere sicuro che lo raggiungerà, perché sa che se darà tutto, se non darà retta a ciò che comanda la logica, ma tratterrà la sua anima coi denti e continuerà ad aver fede, nella testardaggine di inseguire l’impossibile, allora il miracolo accadrà, quello che la mente comune priva d’ali non poteva pensare: L’impossibile diventa possibile.”

Kostas Gournas
Prigione di Koridallos

10 marzo 2014

Diventiamo pericolosi … per la diffusione dell’Internazionale Nera

Clicca sulla foto per scaricare il PDF.
In spagnolo, greco, inglese.

Cile: Modificato il capo d’accusa contestato alla compagna Tamara Sol Farías Vergara

Ricordiamo che la compagna Sol è stata arrestata il 21 Gennaio 2014 con l’accusa di aver sparato ad un vigilantes del Banco Estado, nel comune di Estación Central (Santiago). Nella stessa banca, ma un’altra filiale, il compagno anarchico Sebastián Oversluij è stato crivellato di colpi durante una tentata rapina.

Dopo essere stata arrestata, è stata accusata dalla macchina giudiziaria di “rapina aggravata”, perché la procura puntata sul revolver presuntamente rubato al vigilantes dalla compagna Sol. Il 14 Marzo 2014, il giudice Ninoska Mosnich ha deciso di riformulare l’accusa in “tentato omicidio aggravato di carattere frustrato”.

Questo cambio di imputazione contro Sol, le da un “beneficio” visto che il margine di pena che può esserle data è minore, anche se inizia da 5 anni e 1 giorno.

Attualmente la compagna è in custodia cautelare nel centro di sterminio di San Miguel.

Solidarietà irrefrenabile con Sol!
Difendiamo le azioni multiformi per vincere lo scontro con l’esistente!

fonte : publicacion refractario

Argentina: Allarme bomba per il volo 4648 della compagna LAN diretto a Santiago

Nel contesto delle giornate di agitazione e solidarietà con i compagni Marcelo Villarroel, Freddy Fuentevilla e Juan Aliste Vega, prigionieri in Cile dopo essere stati espulsi dal governo argentino, accusati di una rapina finita con la morte di un poliziotto, mercoledi 19 abbiamo diffuso un allarme bomba per il volo 4648 della compagna LAN diretto a Santiago (Cile).

Costringendo con questo gesto a paralizzare gli aeroporti di Ezeiza e Mendoza (con corrispettivo danno economico) e obbligando l’aereo ad un atterraggio d’emergenza.

In solidarietà anche con Carlos Quiduleo, Hans Niemeyer, Sol Vergara, Hermes González, Alfonso Alvial, e tutti i compagni sequestrati nelle carceri dall’altro lato della cordigliera. Le pressioni psicologiche contro il nemico sono un’arma storica dei rivoluzionari e noi non ci priviamo di usarla. Non ci sono scuse per non attivarsi e solidarizzare, con ogni mezzo.

Con il vivo ricordo del compagno Sebastián Oversluij.

Finché ci sarà miseria ci sarà ribellione!
La sovversione potrà anche interrompersi, ma nulla finisce!


fonte : contrainformate

Bolivia: Aggiornamento sulla situazione del compagno Henry Zegarrundo

Ancora una volta l’udienza del processo al compagno Henry Zegarrundo, programmata per il 17 Marzo 2014, è stata rinviata. E’ fastidioso dare sempre questo tipo di notizie, ma comunque le diamo affinché si capisca l’assurdità della farsa giudiziario nel territorio dominato dallo stato boliviano. E anche se festeggiamo la libertà diurna di Henry, disprezziamo con la stessa intensità l’operato della macchina giudiziaria.

Non si può frenare alcun aspetto della vita seguendo il ritmo legalista. E’ urgente la non collaborazione con questi processi di incriminazione e castigo.

Forza al compagno Henry e a tutti/e i/le guerrieri/e che agiscono dalla loro condizione di ostaggi o dalle varie forme di punizione.

Solidaridad Negra

Buenos Aires: Amici/che della Terra-FAI rivendica incendio di auto

Siamo consapevoli della realtà che stiamo vivendo; la morte accelerata e la miseria della vita moderna ci affliggono anche come individui che respirano l’aria schifosa di questa città. Rispetto alle migliaia di cortei che avvengono in questa regione, cerchiamo sempre di differenziarci ed essere diretti con le nostre azioni.

Come anarchici, facciamo ciò che facciamo perché crediamo che questo sia cio che possiamo fare meglio in questi momenti che stiamo vivendo qui.

Nelle prima mattinata di domenica 16 Marzo 2014 abbiamo incendiato una volante della polizia federale argentina nel quartiere Recoleta di Buenos Aires.

E nella prima mattinata di domenica 9 Marzo abbiamo incendiato un auto mercedes-benz nel quartiere Palermo di Buenos Aires.

Abbiamo dato fuoco anche a numerose auto a Belgrano, Nuñez, Villa Urquiza e Villa Devoto tra Febbraio e Marzo 2014.

Per la distruzione della società galera e di tutte le vestigia di autorità!

Amici/che della Terra – Federazione Anarchica Informale

Grecia: Inizia la protesta dei detenuti contro la differenziazione carceraria

Inizia oggi, 24 Marzo 2014, la mobilitazione nazionale nelle prigioni greche contro la nuova riforma riguardo alla creazione di strutture carcerarie di tipo C.

Il primo passo della mobilitazione è stata la protesta di oggi pomeriggio, quando i prigionieri si sono rifiutati di rientrare nelle celle. Le prime prigioni che hanno aderito alla protesta oggi sono state quelle di Koridallos (carceri maschili e femminili), Corfù e Domokos.

In questi giorni la riforma del ministero della giustizia riguardo alle prigioni di massima sicurezza e al ritiro dei permessi esterni è arrivata alla consultazione pubblica. Le prime misure della riforma sono già state pubblicate.

1) Classificazione dei detenuti in 3 tipi (A, B e C). Il tipo C includerà tutti i detenuti accusati di rapine o estorsioni all’interno di organizzazioni criminali, prigionieri politici e tutti quelli considerati “pericolosi” e con condanne da 10 anni fino all’ergastolo, oltre a chi si ribella dentro il carcere.

2) I detenuti di tipo C non avranno più permessi esterni e i loro colloqui e telefonate subiranno limitazioni.

3) Le celle di tipo C saranno create (non solo a Domokos ma anche in altre carceri) al fine di isolare i detenuti.

4) La polizia adesso acquista un posto permanente nel carcere (perquisizioni delle celle, trasporto dei detenuti dentro il carcere ecc) con compiti segreti e autorità neanche menzionate nella gazzetta governativa.

in inglese

Atene: Aggiornamento sul processo per la doppia rapina a Velventòs-Kozani (Udienza 6 e 7)

Udienza 6 — 4/3/2014

Esaminati tre testimoni. Il direttore della filiale Agrotiki bank (oggi filiale Pireus), un dentista che gli autori della rapina trovarono lungo la strada verso Veria e che portarono con loro, e un pensionato della compagnia nazionale elettrica che è stato testimone oculare della seconda rapina alle Poste (ELTA) di Velventòs.

Due dei tre, testimoni oculari delle rapine, hanno detto di non poter identificare nessuno degli autori, perché avevano il volto coperto e indossavano tute da lavoro. Il direttore della banca ha detto che alcune delle caratteristiche di uno degli autori “sarebbero simili” a quelle di uno degli arrestati brutalmente picchiati. Ovviamente, tali “simulazioni” non sono abbastanza per identificare qualcuno. Il presidente del tribunale e soprattutto l’accusa hanno cercato di utilizzare le testimonianze riguardo la simulazione di alcune caratteristiche al fine di ottenere un’identificazione dei compagni come autori della rapina in banca a Velventòs. Il testimone ha detto categoricamente di non poterlo identificare e di non voler accusare un innocente…

Al testimone è stato anche chiesto se ci fu terrore o paura per i cittadini che erano in banca in quel momento. Lui ha descritto il comportamento degli autori come impeccabile, sia verso se stesso che verso gli impiegati e tutti i clienti. Gli autori hanno anche permesso ai presenti di uscire dall’edificio mentre la rapina era ancora in corso.

Il dentista preso in ostaggio dagli autori, sebbene pressato per fornire un’identificazione, non l’ha data e ha detto di non poter identificare nessuno. Uno dei compagni accusati ha comunque dichiarato che il testimone ha raccontato solo metà di quanto successo.

Alla questione di un membro della corte, se i cittadini si siano sentiti spaventati da questa rapina, dato che era stata fatta da “membri della CCF”, i testimoni hanno risposto di non aver avuto paura.

Udienza 7 — 13/3/2014

La richiesta della difesa di rinviare l’udienza, visto che l’avvocato Spyros Fitrakis era in corte d’appello dove il compagno Argyris Ntalios (il caso di questo compagno è stato rinviato al 21 Marzo 2014) doveva presentarsi in aula, è stata accettata.

Il processo riprenderà giorno 1 Aprile.

fonte : act for freedom now

Grecia: Solidarietà ai prigionieri del carcere di Koridallos, Atene

YouTube Preview Image

6/3/2014

Dal 17 Febbraio, 178 prigionieri nostri compagni nell’”ospedale” carcerario San Paolo fanno lo sciopero del vitto e stanno rifiutando la terapia fermaceutica. Alcuni hanno iniziato anche lo sciopero della fame.

I nostri compagni prigionieri con il loro annuncio di inizio della lotta hanno mostrato le condizioni da incubo in questo inferno che il ministero della giustizia abusivamente e con un eufemismo definisce ospedale.

Come scrivono loro stessi: “tutti noi soffriamo ogni sorta di malattia (pazienti sieropositivi, malati di cancro, o infortunati) sono stipati in stanze – STALLE – MAGAZZINI a dozzine, in una situazione senza precedenti per gli standard globali medici e umani e che da tempo hanno superato i limiti della logica e della tolleranza umana, comportando la nostra quotidiana tortura fisica e psicologica. Ogni giorno lottiamo per SOPRAVVIVERE ed evitiamo la trasmissione di pandemie a causa delle suddette malattie, ma sfortunatamente quando, in stanze di 30 metri quadri, vengono trattati 16-18 pazienza sembra uno scenario di fantascienza e annulla ogni concetto di cura elementare.”

Comunque, le immagini dell’inferno-”magazzino di anime” pubblicate in internet dimostrano l’accuratezza di quanto dicono i nostri compagni prigionieri e mostrano chiaramente quale è la verità.

Questa lotta riguarda ogni prigioniero visto che ognuno di noi potrebbe essere ricoverato durante lo sconto della pena.

Siamo solidali con la lotta dei nostri compagni prigionieri nell’”ospedale” San Paolo.

Ci riserviamo per reazioni più forti se le loro richieste non venissero accolte.

Testo firmato da:
219 prigionieri del 1° padiglione,
351 del 3° padiglione,
320 del 4° padiglione del carcere di Koridallos.

Solidarietà a tutti i prigionieri dell’ospedale di Koridallos.

fonti: athens indymedia, act for freedom now

[Italia] E’ uscito il 4° numero di “Fenrir”, pubblicazione anarchica ecologista

Dopo una lunga assenza è uscito il 4° numero di “Fenrir”, pubblicazione cartacea anarchica ecologista di supporto ai/le prigionierx, azione diretta, aggiornamenti e analisi sulle lotte anarchiche e di liberazione animale, umana e della terra in tutto il mondo.

In questo numero trovate:

- Se non ora quando? Azioni dirette antiautoritarie nel mondo

Azioni dirette contro le carceri in Belgio
Brasile in rivolta contro la vivisezione
Liberazione animale in Italia
Attacco al dominio della scienza e delle multinazionali

- Alcune note sull’anarchismo e il mito proletario, di S.E.Parker

- L’individuo e la liberazione totale

- Esercizi di memoria rivoluzionaria: il GARI (Gruppi di Azione Rivoluzionaria Internazionalista)

- Ultime notizie dalla resistenza indigena. La lotta Mapuche non si arresta

- Riflessioni dalla lotta minoritaria in Cile. In insurrezione permanente contro l’oblio, il silenzio e l’alienazione che alimentano il potere, di Sin Banderas Ni Fronteras

- Dichiarazioni in aula di Alfredo Cospito e Nicola Gai

- Solidarietà è complicità

- Liberazione animale e anarchia

- Lettere dal carcere

- Grecia, arrestati compagni anarchici per una doppia rapina. Una piccola narrazione di una storia di illegalità

- “I nostri giorni passano, le nostre notti no”. Testo dei 4 anarchici greci arrestati riguardo alla doppia rapina di Kozani

- “I banditi sociali più ricercati della Grecia”. La storia dei fratelli Palaiokostas.

- Un soggetto difficile

- Quale anti-civilizzazione? di Elisa Di Bernardo

- Allora, come diventare selvaggi? di Wolfi Landstreicher

- Notizie dal necromondo. Ultime novità dalla ricerca su biotecnologie, nanotecnologie, manipolazione genetica e altre aberrazioni

- La solidarietà è la nostra arma. Aggiornamenti sui/le prigionierx e sulla repressione di Stato

- Indirizzi dei/le prigionierx e ultimi aggiornamenti prima di andare in stampa

- 23/30 agosto 2014 settimana dedicata ai/le prigionierx anarchicx: appello per una mobilitazione internazionale

Per ricevere una o più copie scriveteci: fenrir@riseup.net

Aiutaci a distribuire “Fenrir”, se hai una distro o vuoi un po’ di copie, contattaci!

Genova: Contributo solidale con Mattia, Chiara, Niccolò e Claudio

Sabato 22 marzo 2014 a Genova al Csa Pinelli ci sarà una serata benefit in solidarietà con i 4 No Tav arrestati con l’accusa di terrorismo in seguito ad attacchi e sabotaggi al cantiere di Chiomonte in Val Susa.

Messico: Ottavo comunicato di ITS

Dopo una pausa di silenzio e rispetto ad alcuni eventi recenti (pubblici e non), il gruppo terrorista Its ha qualcosa da dire:

“Ciò che è necessario non è cercare la negoziazione con il sistema, ma una lotta vita o morte contro di esso”. Theodore John Kaczynski[1]

I

La rivista “Nature” di divulgazione scientifica ha pubblicato un articolo (Ottobre 2013) dove critica il nostro terzo comunicato[2], che scrivemmo dopo il ferimento dei tecno nerd del Tec di Monterrey nell’Agosto 2011. In questo articolo il “nano-antropologo” (dell’Università del Sud Carolina) fa un misero tentativo di “decifrare” la nostra motivazione principale dietro l’attacco agli esperti di nanotecnologia.

Nell’articolo, il signor Toumey dichiara che i nostri attacchi contro la nanotecnologia sono basati principalmente sulla supposizione della Grey Goo[3]. E questo è falso. La grey goo è una teoria che si è diffusa inizialmente nell’ambiente scientifico per poi approdare all’attenzione del pubblico generale. Il nanotecnologo Eric Drexler è stata la prima persona a utilizzare questo termini nel suo libro “Motori di creazioni” nel 1986. Nel 2000, il cofondatore di Sun Microsystems, Bill Joy, scrisse il famoso articolo “perché il futuro non ha bisogno di noi” (che abbiamo citato nel nostro terzo comunicato), dove espose una visione apocalittica della piaga grigia, l’articolo richiamò l’attenzione di alcuni pseudo critici della civilizzazione come John Zerzan ecc.

Nel 2004 (quando la nanotecnologia era realtà) il tema si fece scandaloso e lo stesso Drexler dichiarò pubblicamente che la grey goo era solo un’idea fittizia, e che le condizioni tecnologiche non erano adatte (a quel tempo) perché una catastrofe, come quella che aveva predetto anni prima, si verificasse.

Riguardo a ciò, Its dichiara quanto segue:

1. La minaccia ipotetica della grey goo NON è stata la nostra principale motivazione per iniziare l’attacco alla nanotecnologia in Messico.

2. Dalla pubblicazione del nostro terzo comunicato ad oggi, alcune idee dei membri di Its sono CAMBIATE (come si evidenzia dal sesto comunicato fino a questo), e una di queste ha a che vedere con la presunta piaga grigia.

3. Adesso riteniamo questa teoria come una semplice supposizione catastrofista, fatta da una mente contorta in cerca dell’attenzione pubblica (Drexler).

Con questa dichiarazione non pretendiamo, assolutamente, che i tecnologi ci diano il loro consenso accademico per il rifiuto della grey goo (perché ovviamente questo non accadrà, né accetteranno il terrorismo nei loro confronti).

Abbiamo realizzato attacchi diretti per danneggiare sia fisicamente che psicologicamente NON solo esperti di nanotecnologia, ma anche studiosi di biotecnologia, fisica, neurologia, ingegneria genetica, scienze della comunicazione, informatica, robotica, ecc. perché rigettiamo la tecnologia e la civilizzazione, rifiutiamo la realtà che ci stanno imponendo con TUTTE le loro scienze avanzate, neghiamo la vita che ci impone il sistema che ci vorrebbe decerebrati, obbligatoriamente ubbidienti agli ordini delle grandi organizzazioni (industrie giganti che ti dicono cosa mangiare, cosa non fare, cosa dire, come vestirti, dove andare, ecc) e di persone lontane dalla nostra cerchia, neghiamo categoricamente la loro artificialità e ci rifacciamo al nostro passato di Guerrieri della Terra, ci rifacciamo al nostro più oscuro istinto di sopravvivenza, e anche se sappiamo di essere umani civilizzati, ci rivendichiamo come fiere individualità consapevoli, in guerra TOTALE contro tutto ciò che minaccia la nostra naturalezza e la Naturalezza Selvaggia che rimane. Leggi tutto »

Grecia: Lettera di Tasos Theofilou

Pochi giorni dopo la condanna datami dalla terza corte penale di Atene, composta da tre giudici, e la pena di 25 anni impostami per dei fatti che ho saputo solo dalla televisione, credo che emergano alcune domande di natura esistenziale e alcune conclusioni di natura politica.

Iniziando dalle domande, ci si chiede come una persona, come il presidente della corte –che assegnarlo ad un bar di periferia sarebbe già un rischio–, possa avere una tale autorità tra le mani. Come può essere che questa persona con la stessa malsana ingenuità con cui ha trattato il mio caso, possa processare a condannare centinaia, forse anche migliaia di altre persone e che questo non sia uno scandalo. Come può essere che questa persona evidentemente non brillante abbia nelle sue mani migliaia di vite. Come può essere che lo stato sia composto da persone così inadeguate e noi non riusciamo ancora a organizzare una rivoluzione contro di esso. Come può essere che l’accusa non ha neanche considerato scortese farsi alcune pennichelle durante il processo e neanche sentire il bisogno di guardare i fascicoli prima di fare l’arringa. Chiunque ha assistito al processo ha potuto concludere che l’arringa era probabilmente riguardante un altro caso. Come può essere che quelli che non considerano la giustizia penale come la vergogna dell’umanità ma come un “servizio”, la allargano trasformandola in un paio di mutande elasticizzate. Come può essere che un presidente e un pubblico ministero non si vergognino pubblicamente di dire che le richieste della difesa non possono essere accettata perché l’accusato non le ha dichiarate durante le udienze speciali di interrogatorio, screditando nel modo più assoluto la presunta parte principale della procedura che è il processo.

Ma alcune conclusioni politiche sono importanti. Come la corte che riconosce la dimensione politica dell’accusa indirettamente tramite la propria decisione, visto che se non l’avesse fatto avrebbe dovuto prosciogliermi, dato che le prove sono cadute nelle prime udienze. Ma ha scelto un campo politico – e non giuridico. Un campo utile per bilanciare le pressioni fatte dall’alto, tra la febbre “antiterrorista”, con pressioni applicate dal basso, pressioni che applichiamo in ogni piccola o grande battaglia che tutti facciamo. Pressioni che anche in un clima di devastazione autocratica sono vive grazie alla nostra incisività, militanza e solidarietà. Questa parte allora, con i molti solidali che hanno seguito il processo cosi come i giornalisti del movimento, ha evitato l’arbitrarietà del presidente e le oscenità dell’accusa (che ondeggiava tra una caricatura di destra e una pericolosa ignoranza del codice penale), restando limiti stretti dell’aula mettendo un freno al loro non senso. La corte ha agito come Ponzio Pilato temendo responsabilità, trasferendo alla corte d’appello ogni responsabilità e possibilità –anche quella di un controappello–, come è successo alla fine.

È anche importante che non sia una sentenza che abbia legittimato il DNA come prova, dato che l’oggetto sul quale sarebbe stato trovato il mio presunto DNA non esiste, ma è una sentenza che abbia legittimato l’immunità poliziesco-giudiziaria che raggiunse l’apice con il controappello proposto dal pubblico ministero Periklis Drakos.

Inoltre, non va tralasciato che nonostante la corte non abbia avuto bisogno di prove per condannarmi per la rapina a Paros, allo stesso tempo questa mancanza è stata abbastanza per prosciogliermi da tutte le accuse di partecipazione alla CCF. Quindi da un punto di vista politico, è importante che questo non è stato un altro passo verso l’acquisizione del “dogma Marini”.

Pertanto rimarrò in prigione per altri anni con la forza datami dalla consapevolezza che come ogni anarchico, non sono dentro “ingiustamente”. Ho commesso il crimine che li contiene tutti. Nella guerra di classe ho preso posizione insieme a chi subisce i torti. La prigione per un anarchico non è una punizione ma un altro campo di lotta. Non c’è spazio per lo scontento ma solo l’intensificazione continua che avanza. Fino alla distruzione dell’ultimo carcere, da Attica a Koridallos, da Pelican Bay a Domokos, da Guantanamo a Amygdaleza.

Tasos Theofilou
Prigione di Domokos
24/2/2014

fonti: asirmatista, actforfreedomnow

Francia: Condannato a 2 anni il compagno anarchico Damien Camelio, per gli attacchi del GADI

Il compagno Damien Camelio è stato condannato a 2 anni di carcere per tre attacchi incendiari a Tarbes e Pau, in Francia, rivendicati dal GADI (Gruppo di Azione Diretta Internazionale).

Per scrivere al compagno:

Maison d’Arrêt de PAU
Damien CAMELIO – Ecrou 25622
14 Bis Rue VIARD
BP 1616, 64 037 PAU CEDEX, Francia

(Ricordate che la posta viene letta.)

Fonte: Antifascisti Anarchici Autonomi

[Da qualche parte] Note su un attacco fallito ed esperienza da accumulare

Attraverso queste nostre parole ci piacerebbe condividere un attacco sicuro al nemico, e inviare un caloroso saluto ai nostri fratelli e alle nostre sorella sequestrati/e dallo stato/capitale. Con quei desideri che ci infiammano il cuore abbiamo deciso di vincere la paura e con un piccolo gesto illuminare la lunga notte del dominio con un artefatto esplosivo. Abbiamo deciso il dove e il quanto, abbiamo creato un piano e ci siamo avventurati.

La mattina seguente abbiamo cercato notizie per sapere come era andata l’azione e non abbiamo trovato nulla. Per togliere ogni dubbio, visto che l’obiettivo lo permetteva, siamo tornati sul posto per osservare la situazione. L’estintore pieno di 1 kg di polvere nera, dadi e bulloni era nello stesso posto dove lo avevamo collocato. Il sistema di innesco fatto da un tubo di carta pieno della stessa polvere e teste di fiammiferi aveva funzionato, questo si era consumato fino a raggiungere il buco fatto nel recipiente e per questo avevamo inserito diversi centimetri di miccia artigianale. Ciò che è successo è che al contatto con della miccia accesa con l’estintore e il suo contenuto, la polvere si era riscaldata provocando l’allargamento del buco. Infine, l’unica cosa che è accaduta è stata che l’estintore si è riscaldato e coperto di cenere senza esplodere.

In una prova precedente era successa la stessa cosa, ma con un estintore vecchio e ossidato, e pensavamo che la non esplosione fosse dovuta al degrado del materiale. Il contenitore che abbiamo usato stavolta era nuovo e non credevamo sarebbe andata allo stesso moto, avevamo una rivendicazione, che per ora dovrà attendere. Abbiamo molto da imparare. Non nasconderemo il nostro desiderio di veder bruciare questo mondo in rovina e la nostra frustrazione nel non poter vedere concretizzato il nostro volore. Ma abbiamo pazienza, stiamo crescendo, imparando, migliorando le nostre tecniche e infrastrutture. Allo stesso tempo ci trasformiamo noi stessi, disimparando quanto ci è stato inculcato e sviluppando nuove relazioni con noi stessi e con tutto ciò che ci circonda. Abbiamo molto da fare e non pensiamo di desistere.

In questo affanno per continuare ad imparare di pari passo con l’esperienza di altri compagni/complici scriviamo queste parole cercando di comunicare con chi, in base all’esperienza, abbia le risposte che cerchiamo, dove sta l’errore nel nostro dispositivo? Cosa abbiamo sbagliato o dobbiamo fare?

Crediamo che questo mezzo virtuale per esporre i nostri dubbi sia il più giusto perché può servire da aiuto ad altri nel loro cammino e arricchire il nostro agire.

Sperando di aprire un dialogo fraterno con chi lo desidera mandiamo un abbraccio pieno di amore a chi rischia e arma i propri desideri.

Ogni cuore è una bomba artigianale

MORTE ALLA CIVILIZZAZIONE
VIVA L’ANARCHIA

Cellula di guerriere apprendiste

Genova, 14 Marzo 2014: Un nuovo spazio è stato sottratto all’abbandono

passate al Mainasso in via dei Giustiniani 62R

Atene, Grecia: Attaccata caserma in ricordo di Lambros Foundas, membro di Lotta Rivoluzionaria

“Con torce spente tanto tempo fa, i miei vecchi compagni camminano nascondendosi nelle pupille dei miei occhi… Chiudo la mia bocca e urlo… Accade quando loro invadono selvaggiamente le mie arterie trascinando un’asta spezzata, e lì, nell’ottava arteria, nella piccola cavità del cuore dove i miei compagni caduti sono svegli, io conduco la mia battaglia nei sussurri…”

Devi portare al limite estremo le tue azioni; metterti alla prova in battaglia, con tutto il tuo essere in modalità combattiva; prendere parte ad assemblee, cortei, scioperi selvaggi, barricate, come ha fatto Lambros; essere presente ad appuntamenti cospirativi, presente nel mappare il nemico e la città, consapevole della necessità di rifornire, preparato ad oliare le armi da fuoco, gettarti con tutto il cuore nella lotta, come un tuono…

Dovresti iniziare tutti questi processi, e in qualunque modo sia il loro inizio assicurati che abbiano un buon esito, perché la storia rimane scarna se noi non interferiamo…

Da parte nostra, muovendoci sempre in questo contesto, abbiamo onorato la memoria dell’anarchico combattente e rivoluzionario Lambros Foundas sabato notte 8 marzo 2014 attaccando la caserma di polizia a Nea Chalkidona, quartiere di Atene; eludendo ancora una volta la guardia dei meccanismi statali, abbiamo bruciato una volante li fuori, cosi come la guardina e l’entrata della caserma, mostrandogli che i combattenti sono gli unici che sceglieranno il luogo, il momento e il modo in cui liberare il proprio odio verso i designati nemici della libertà.

Lambros, non ti stai perdendo nessun momento della lotta, perché sei sempre presente, come eri solito esserci…

Lambros, nulla finisce, perché tutto continua…

Onore eterno a Lambros Foundas, che si è solo preso una pausa quattro anni fa (10 Marzo 2010) a Dafni, Atene, e continua ad ispirarci nel suo modo unico.

RIVOLUZIONE PRIMA DI TUTTO E SEMPRE, FINO ALLA VITTORIA…